I 7 principali disturbi del sonno

I 7 principali disturbi del sonno

Il sogno è un processo biologico essenziale per la vita. Tuttavia, è anche una faccetta da giorno a un giorno che si presta allo sviluppo di disturbi specifici.

Ci sono diversi disordini del sonno che ci impediscono di fare un sogno di riparazione e che influiscono sui nostri giorni per giorno con vari sintomi che sono già stati citati in un altro articolo sopra.

  • Articolo correlato: "I 7 segnali psicologici che mostrano che devi dormire di più".

Disturbi del sonno: cosa sono?

Come suggerisce il nome, i disturbi del sonno sono alterazioni psicologiche che influenzano negativamente la qualità della vita delle persone e che Si manifestano nei momenti in cui dormi o tendi di dormire.

Ciò significa che il fatto di soffrire di uno di questi problemi durante un periodo prolungato può lasciare il posto ad altre complicanze di salute derivate da questo, specialmente nel caso dei disturbi del sonno che impediscono il sonno bene. Non dimenticare che non dormire abbastanza, a lungo termine, porta a un'importante usura cognitiva e aumenta il rischio di patologie fisiche e mentali.

Tipi di disturbi del sonno

Qui troverai un riepilogo del disordini del sonno, Con i suoi sintomi principali e caratteristiche distintive.

1. Insonnia

Tra i disturbi più comuni troviamo l'insonnia, che colpisce il 25% della popolazione. Può essere dovuto a alcuni disturbi sostanziali come depressione o ansia. L'insonnia è definita come l'incapacità di riconciliare il sonno e rimanere addormentato tutta la notte. Ogni persona ha bisogno di determinate ore per sentirsi riposare anche se normale è tra le 7 e le 9 ore.

Le persone con insonnia spesso si sentono drowoody durante il giorno danneggiando la loro vita quotidiana e di notte costerà loro addormentarsi nonostante la stanchezza. All'interno dell'insonnia; L'effetto così chiamato di "gambe irrequiete"È costituito da un formicolio alle gambe che costringe il paziente a spostarli. Si verifica di notte e sonno difficile.

  • Ulteriori informazioni e consigli sull'insonnia in: "Combatti insonnia: 10 soluzioni per dormire meglio"

2. Apnea notturna

È un disturbo comune in cui la persona che ne soffre Pausa nel respirare durante il sonno. Di solito dura poco e la persona recupera la sua respirazione normale con un russare forte. È generalmente un disturbo cronico che altera il sonno poiché si verifica nel Fase rem E va a un sogno leggero che fa riposare correttamente la persona.

Il primo a notare questo sintomo è di solito un parente poiché la persona non si rende conto di questo. Il tipo più comune è Apnea ostruttiva del sonno, Ciò è dovuto a un ostacolo nelle vie aeree che impediscono l'aria. Di solito è più frequente nelle persone in sovrappeso.

Se non è correttamente, potrebbero esserci gravi conseguenze perché nei periodi di anossia (mancanza di aria nel cervello) i neuroni associati al sonno può essere danneggiato. E aumentare la probabilità di subire un infarto.

Altri disturbi meno comuni sono Narcolessia e il Cataplejía.

3. Narcolessia

Questa malattia neurologica è dovuta a un'anomalia cerebrale che altera i meccanismi del sonno neurale; Consiste in episodi di sonno improvvisi nelle ore di veglia, essendo in grado di addormentarsi per 2-5 minuti ovunque e svegliarsi sentendosi chiaro. Può accadere guidare, parlare o camminare semplicemente. Queste persone mancano del sogno di onde lente e passano direttamente alla fase REM. La narcolessia può essere somministrata anche nei cani.

All'interno di questa malattia troviamo alcune varianti come Cataplejía: È una paralisi totale che si verifica durante la veglia. La persona soffre di debolezza muscolare e può essere totalmente paralizzata e cadere a terra. Quello che succede è che il fenomeno del sonno REM si verifica in un momento inappropriato. La persona è consapevole durante queste crisi.

  • Allucinazioni ipnagogiche: Sogni vivati ​​che si verificano prima che la persona si addorga. Sono sogni mentre sei sveglio.

  • Paralisi nel sonno: Di solito si verifica poco prima del sonno o del risveglio al mattino, ma in un momento in cui non rappresenta un pericolo per la persona.

  • Ulteriori informazioni sulla paralisi del sonno in: "Paralisi del sonno: definizione, sintomi e cause".

4. Disturbi comportamentali associati al sonno

Nel sogno rem siamo paralizzati corporei. Se non fosse per quella paralisi rappresenteremmo i nostri sogni.

Nel disturbo associato al sonno REM (che è una malattia neurodegenerativa) Rappresentano i loro sogni, Alzarsi e muoversi senza esserne consapevole. Il paziente può subire lesioni.

4. Disturbi associati al sonno lento

Durante questa fase, in particolare nella fase numero 4 del sonno (una delle più profonde), alcune persone soffrono di disadattamento; come sonnambullo, enuresi notturna (bagnando il letto) e terrori notturni. Nel caso dell'enuresi, è un tipo di alterazione che si verifica molto frequentemente in ragazzi e ragazze.

5. sonnambulismo

Nei bambini è di solito dovuto alla fatica, alla mancanza di sonno o all'ansia; Negli adulti può essere dovuto a disturbi mentali, l'alcol tra gli altri. Queste persone possono alzarsi e camminare normalmente, eseguire azioni ... Questi episodi sono di solito molto brevi e se non sono svegli andranno a dormire ma possono cadere a dormire un posto diverso.

All'interno del sonnnalizzazione c'è il Disturbo di assunzione associato al sonno; La persona mangia mentre dorme. Per impedirlo, di solito salvano il blocco.

  • Per saperne di più sul SoundAbulism, raccomandiamo l'articolo "Speaver: The King of Sleep Disorders".

6. Terrori notturni

I terrori notturni sono più comuni nei bambini di età compresa tra 3 e 7 anni. Il bambino può sudare o respirare bruscamente, in uno stato di shock e molto disorientato.

In breve, è necessario un sogno di riparazione per essere al 100% nei nostri giorni per giorno. Ecco perché, nel caso in cui tu soffra alcuni dei sintomi descritti, consulta il medico e può diagnosticare correttamente e Adottare misure se necessario. Molti di questi disturbi hanno trattamenti altamente efficaci.

  • Saperne di più sui terrori notturni: "Terrori notturni: panico durante il sonno".

Riferimenti bibliografici:

  • Mathias, j. L.; Alvaro, p. K. (2012). Prevalenza di disturbi del sonno, disturbi e problemi a seguito di trauma cranico: una meta-analisi. Medicina del sonno. 13 (7): PP. 898 - 905.
  • Mai E, Buysse DJ (1 gennaio 2008). "Insonnia: prevalenza, impatto, patogenesi, diagnosi differenziale e valutazione". Cliniche di medicina del sonno. 3 (2): PP. 167 - 174.
  • Meltzer, Lisa J.; Johnson, Courtney; Crosette, Jonathan; Ramos, Mark; Mindell, jodi a. (2010). Prevalenza dei disturbi del sonno diagnosticati nelle pratiche di cure primarie pediatriche. Pediatria. 125 (6): E1410-E1418.
  • Roepke, s. K., & Ancoli-israel, s. (2010). Disturbi del sonno negli anziani. The Indian Journal of Medical Research, 131: PP. 302 - 310.
  • Thorpy, m.J. (2012). Classificazione dei disturbi del sonno. Neuroterapeutici, 9 (4): PP. 687 - 701.